• combattimenti di cani in Afghanistan.

    di Lorenzo Tugnoli

    Nonostante gli orrori di tre decenni di guerra, gli afgani ancora trovano la voglia di lottare per  divertimento. Il combattimento di cani è stato vietato sotto i talebani, ma di recente ha riacquistato la sua popolarità, con molti  dogfighters che scommettono in  tornei clandestini settimanali, che si tengono su lotti polverosi nelle principali città del paese.  Questo richiama migliaia di spettatori, e come la maggior parte di eventi sportivi in ​​Afghanistan, è quasi esclusivamente un’occupazione maschile. Alcuni scontri sono stati organizzati con giorni di anticipo, con centinaia, a volte migliaia di dollari, di posta.

    In un  pallido Venerdì mattina si svolge un grande torneo di combattimenti di cani  in un anfiteatro naturale sterrato, alla periferia di Kabul. Un  uomo vecchio  e sdentato con un turbante , presiede l’evento. Porta un bastone di legno che usa per picchiare gli spettatori che affollano l’arena  e i membri dell’ entourage dei dogfighters che bloccano la vista. Un cane viene dichiarato il vincitore, quando  dimostra chiaramente la sua posizione dominante rispetto all’altro.

    I contendenti vengono in genere allontanati prima che possano infliggersi  danni seri a vicenda. La posta in gioco per i dogfighters è troppo alta per il rischiare le loro tariffe ulteriormente. I cani possono essere un investimento costoso per un afghano medio, ma possono anche far fare i soldi ai loro proprietari.

Pubblicato in: Lorenzo Tugnoli, Fotografia