• di Adonella Marena

    con il sostegno di Film Commission Piemonte

    Una mattina d’estate del 2006 da Venaus, in Val di Susa, parte una marcia che percorrerà in 15 giorni 600 chilometri, passando per paesi e città, da Torino a Genova, a Pisa, a Livorno…fino a Roma.

    A piedi, in treno, in bici, la marcia a bassa velocità del movimento notav esce dalla valle, per far conoscere le ragioni della sua opposizione all’Alta Velocità e ai faraonici progetti delle cosiddette grandi opere.

    Per strada i marciatori incontrano persone, luoghi, eventi, gruppi teatrali e bande musicali; raccolgono voci, testimonianze e appelli di molte comunità, costrette a subire scelte spesso inutili, costose o devastanti sul proprio territorio: caricati su un carro-risciò, decine di documenti arrivano a Roma per la consegna al governo.

    Due filmmakers hanno seguito e documentato tutto il percorso e ne vogliono trarre un film-documentario:

    raccontare la storia di un’utopia contagiosa, che parte da una concreta e straordinaria esperienza di democrazia partecipata, da un piccolo paese tra le montagne, per incontrare nel cammino fino a Roma i mille volti di un’Italia che vuole ritrovare il senso della comunità e non si piega al pensiero unico di questo modello economico.

Pubblicato in: Fabio Colazzo, Video